Ogni anno la terza domenica di maggio è dedicata all’infiorata di Noto, uno degli eventi simbolo della città netina. La tradizione dell’infiorata nasce 37 anni dall’incontro di artisti infioratori Genzanesi e Netini, ed è proprio nella città di Genzano, in provincia di Roma, che si sviluppa questa nuova tecnica pittorica. La via dove si sviluppa la manifestazione è Via Corrado Nicolai dove vi è un forte impatto tra la Chiesa di Montevergini e palazzo del Principe Nicolaci “Villa dorata”, con i balconi che sono stati definiti da molti i più belli del mondo. Noto non solo capitale del Barocco, ma un luogo dove tradizioni e manifestazioni si fondono con i palazzi e le chiese barocche patrimonio dell’Unesco. Nella preparazione dell’infiorata di Noto, si distinguono vari momenti: la riproduzione dei bozzetti, l’esecuzione delle sagome che vengono tracciate sul tratto stradale e l’allestimento da parte degli artisti infioratori che, insieme con i loro collaboratori, tappezzano di fiori i disegni già tracciati, sul lastricato di Via Nicolai. Il lavoro di infioratura dei riquadri dura tutta la notte e l’indomani il tappeto floreale è pronto per stupire migliaia di visitatori italiani e stranieri, fino al tramonto. La sera si dà il via a spettacoli e iniziative collaterali, iniziative culturali di ogni genere, tra cui mostre, esposizioni, degustazioni, musei e chiese aperte.

Non resta che di scoprire questa 38° edizione dell’infiorata di Noto 2016.

 

Per maggiori dettagli sul programma :

http://www.infioratadinoto.it/2016/infioratanoto2016_web.pdf