La grande passione per il territorio ibleo, per la valorizzazione di luoghi così storicamente rilevanti e così poco valorizzati, ha spinto la Dott.ssa Mariapaola Dierna, specializzata in Turismo e proprietaria dell’Agriturismo Casmene, insieme alla Dottoressa Marta Fitula, esperta in Archeologia e Consigliere Regionale di SiciliAntica, ad ideare una manifestazione di grande valore culturale per la valorizzazione e la fruizione del territorio ibleo.

Nella meravigliosa cornice di Casmene (Buccheri/Buscemi), Sabato e Domenica, 16 e 17 Luglio 2016, si è tenuto l’evento “Casmene: Faro Mediterraneo di Civilità Millenaria. Presentazione dell’Itinerario Archeologico e Naturalistico.”

L’evento è stato articolato in due giornate. Sabato 16 Luglio, è stato presentato il Convegno “Archeologia: “petrolio” degli Iblei. Valorizzazione e Fruizione dei siti archeologici.”, nel quale sono intervenute le principali personalità del panorama culturale e archeologico siciliano: la ri-eletta Soprintendente di Siracusa, Dottoressa Rosalba Panvini; la neo Direttrice del Polo Regionale di Siracusa per i Siti e i Musei Archeologici, la Dottoressa Maria Musumeci; la Dottoressa Basile, ex Soprintendente di Siracusa,  che ha offerto un importante contributo dovuto, oltre che alla grande competenza e professionalità, alla notevole conoscenza scientifica dell’area di Casmene, dove lei per prima ha promosso, insieme a SiciliAntica, diverse campagne di scavi; il Presidente di SiciliAntica, la Dottoressa Simona Modeo e l’Architetto Giuseppe Lo Porto, per la Presidenza Regionale di SiciliAntica.
E’ intervenuto anche il Soprintendente del mare, il Dottor Sebastiano Tusa, che ha offerto un importante contributo, non solamente durante il Convegno, ma anche nella seconda giornata per lo studio dell’Itinerario Archeologico presentato.
La giornata è proseguita con la presentazione di una Tavola Rotonda sul tema “Sviluppo Territoriale e Valorizzazione dei Beni Culturali Iblei”, nella quale si è dibattuto sulle problematiche legate alla Valorizzazione dei Beni Culturali del territorio ibleo e ai diversi interventi necessari per la fruizione di tali beni. Azioni, queste, che consentirebbero un rilevante Sviluppo Territoriale in una dinamica Turistico/Culturale.
Ha moderato il dibattito, la Dottoressa Beatrice Basile. Hanno partecipato alcuni degli Onorevoli della Provincia di Siracusa, tra cui, l’Onorevole Stefano Zito; i rappresentanti delle amministrazioni che insistono sul territorio, tra questi il Dottor Paolo Amenta, Sindaco di Canicattini Bagni, Vicepresidente dell’ANCI Sicilia e Presidente del Gal Agenzia di Sviluppo degli Iblei; il Dottor Alessandro Caiazzo; il Dottor Carlo Scibetta, Sindaco di Palazzolo Acreide; il Dottor Michelangelo Giansiracusa, Sindaco di Ferla.

Ha offerto un importante contributo anche il Dottor Fabio Granata, ex Assessore Regionale ai Beni Culturali, in seguito Assessore al Turismo, da sempre impegnato nella valorizzazione del paesaggio culturale degli Iblei. Hanno partecipato, inoltre, i vari rappresentanti del comparto turistico e delle associazioni culturali, tra questi L’Associazione CLUB UNESCO di Buccheri, il Dottor Paolo Uccello, Cetty Bruno; le varie organizzazioni pubbliche e private, tra cui il Gruppo di Azione Locale “GAL Natiblei” e gli attori locali coinvolti nella valorizzazione del patrimonio culturale del territorio ibleo.

I partecipanti hanno contribuito, tramite il loro ricco bagaglio di esperienze in ambito territoriale, a sviluppare una fattiva partecipazione pubblico-privato, indicando le direzioni da intraprendere per la valorizzazione del patrimonio culturale e archeologico ibleo e un reale sviluppo territoriale, in termini di crescita culturale e turistica.La serata è proseguita con un Buffet offerto dall’Agriturismo Casmene e con musica dal vivo.
Domenica 17 Luglio, alle ore 11.00, è stato ufficialmente inaugurato l’Itinerario Archeologico e Naturalistico, promosso dall’Agriturismo Casmene: “ Viaggio dell’Anima: Fascino ed Energia. Dove nasce l’Anapo e le pietre raccontano la storia dell’uomo negli Iblei.”


L’evento nasce dall’esigenza di condividere un indirizzo comune per lo sviluppo del territorio ibleo, tramite la valorizzazione delle sue specificità culturali e archeologiche e ha rappresentato un’occasione per sensibilizzare tutti gli attori locali coinvolti nella valorizzazione del patrimonio culturale del territorio