Cos’hanno in comune un eretico, uno studente e un bandito? Nati tutti e tre nelle terre dell’anarchia, a pochi chilometri di distanza, ma in tempi molto lontani, dove tutto è permesso, dove le uniche regole sono quelle non scritte. Condannati fin da subito a scegliere da che parte stare: imparare a campare come tutti gli altri o abbandonarsi alla propria indole ribelle e dissacrante. Eroi che sfidano il potere o saggi che scelgono di vivere all’ombra del sistema? Vivere in un mondo senza confini alla ricerca di altri mondi, scegliere la propria strada, scontrarsi con il destino

Una scelta che cambierà per sempre la vita di tre uomini, le cui storie si intrecciano, si sovrappongono, si compenetrano. Una battaglia epica, vissuta senza clamori, all’interno dell’intima coscienza dei tre protagonisti. Ognuno nel proprio mondo. Universi paralleli separati da secoli di tempo o da pochi centimetri d’aria, collegati
l’un l’altro da una ruota di legno che girando intorno al proprio asse scricchiolante, trasporta la vita nell’eterna lotta tra il libero arbitrio e il destino.

Questo il filo conduttore di “L’anarchia dell’infinito”, il libro di Raffaele Pascale, è nato a Caserta nel 1980, dove ha vissuto fino al conseguimento della laurea in ingegneria meccanica, e poi trasferito a Siracusa, dove attualmente vive e lavora. “L’anarchia dell’infinito” è il suo romanzo d’esordio.

L’anarchia dell’infinito di Raffaele Pascale

Genere: Giallo
Pagine: 166
Prezzo libro: 15,00 euro
Prezzo ebook: 4,99 euro