Da oltre due mesi il museo Civico di Noto, sito in pieno “miglio d’oro” ospita la mostra Alto Antiquariato di Sicilia – Sere al museo di Claudio Fayer, a cura di Vincenzo Medica per Studio Barnum, con il coordinamento di Rosario Miano e Federico Fayer.

L’evento, realizzato grazie al patrocinio dell’amministrazione comunale e con la partecipazione della Soprintendenza di Siracusa, ha catalizzato, nella seconda parte dell’estate netina e in questo primo scorcio di autunno, la proposta artistico-culturale della città.

L’altissima qualità degli oggetti in esposizione, pezzi unici provenienti da tutta la Sicilia che raccontano le storie delle case dei nostri antenati, ha davvero caratterizzato tutta la mostra. Manufatti di straordinaria fattura, intarsi e dorature testimonianze di creatività e abilità nel trattare e trasformare la materia prima non per un mero oggetto d’arredo, se pur utile e importante, ma come vere e proprie opere d’arte. Un esempio: la splendida coppia di candelabri del settecento, in bronzo dorato al mercurio con tronco in opalina, arrivati solo qualche giorno fa direttamente da una famiglia di principi siciliani.

La mostra oggi, a inizio del nuovo mese, volge al termine. Dopo la proroga concessa a fine settembre per l’importante afflusso di visitatori e dunque i consensi raccolti, chiuderà i battenti il prossimo 6 novembre, siamo certi ripagando in pieno gli ulteriori forzi profusi dall’organizzazione, in primo luogo di Claudio Fayer, cuore, anima e cervello, e di Vincenzo Medica, mente e braccia instancabili per quasi tre mesi.

L’alto antiquariato esclusivamente siciliano messo in mostra ha proposto pezzi dal 1600, nello specifico due colonne provenienti da un collezionista di Messina, sino a tempi relativamente più recenti con chiffonier, specchi, consolle, letti, quadri, ed anche opere di artisti contemporanei come lo straordinario Dino Cunsolo, che rende lustro a quella che può definirsi la figura più alta di artista-artigiano, che da del “tu” alla materia sino a plasmarla a suo piacimento.

Visitare la mostra di Alto Antiquariato di SiciliaSere al Museo di Claudio Fayer è dunque un’esperienza per gli occhi e un esercizio di memoria storica collettiva dell’essere innanzitutto siciliani, figli di una terra prolifica di artigiani-artisti, di mobilieri-scultori, di maestri ai quali nulla era celato.

La mostra, con ingresso libero, è aperta tutti i giorni dalle 16 alle 21,30, sino a domenica 6 novembre.