Domenica 11 dicembre alla libreria Gabò, in corso Matteotti 32, alle 11, appuntamento con Colazione in libreria. Saranno ospiti i due autori Salvo Toscano e Alberto Minnella per parlarci dei loro nuovi gialli Falsa testimonianza Newton & Compton e Portanova e il cadavere del prete Frilli Editori.
Sul Libro Falsa testimonianza Newtn & Compton
Palermo. Anni Novanta. Il boss Traina è in carcere. Al suo posto, al vertice della cupola è salito il suo rivale, lo Zio.
Uno dopo l’altro, gli uomini di Traina finiscono dietro le sbarre, finché, grazie a una soffiata, a essere catturato è Schillaci, latitante e stretto collaboratore dello Zio. Com’è possibile? Per Giannini, membro della DIA che indaga sui collegamenti tra politica e mafia, quell’arresto è molto strano. Tra gli elementi dell’indagine c’è anche un’assurda testimonianza: anni prima, la Proloco del paese ha premiato il racconto di uno studente nel quale era descritto proprio l’arresto di Schillaci. Quando la notizia si sparge, la casa di Rosario Buscemi, l’autore del racconto, viene messa a soqquadro, così come gli uffici della Proloco. Qualcuno ha costruito un castello di bugie, e a Giannini spetta l’ingrato compito di raderlo al suolo.
Salvo Toscano caposervizio del quotidiano LiveSicilia.it e condirettore del mensile I love Sicilia, ha già pubblicato i romanzi Ultimo appello, L’enigma Barabba e Sangue del mio sangue. È stato semi­finalista al Premio Scerbanenco e finalista al Premio Zocca Giovani. Con la Newton Compton ha pubblicato Insoliti sospetti e Falsa testimonianza
Sul libro Portanova e il cadavere del prete Frilli Editori
Mentre fuori il cielo minaccia pioggia e malanova su Ortigia, nell’ufficio del commissario Portanova si cerca di ammazzare il tempo. Da un mangiadischi portatile risuonano le note di A foggy day di Charles Mingus, un pezzo malato, confuso, con i suoni sguaiati di San Francisco in sottofondo. L’ispettore Gurciullo stappa l’ultima bottiglia di birra rimasta e Portanova accende il milionesimo sigaro quando, dal centralino, arriva una chiamata: è stato trovato il cadavere nudo di un prete in via dei Mergulensi 15, precipitato misteriosamente dalla casa vuota di Natale Scimeca, un pregiudicato che da molti giorni è in stato di fermo per l’omicidio del maresciallo Agrò. L’arrivo di un vecchio amico venuto dal Ministero dell’Interno e un nuovo vicecommissario aggiungeranno malinconia a quell’autunno già tormentato. Il commissario avrà a che fare con il fetore nauseabondo di un delitto inspiegabile e con le ombre di una serie di oscuri rompicapi: perché padre Mariano è morto? In che modo Scimeca è coinvolto? Cosa sta succedendo a Roma? Con Carla lontana e la vedova Scollo sempre più vicina, tra un Toscano dietro l’altro e il jazz fatto risuonare nelle lunghe notti in ufficio, per Portanova saranno mesi duri. E, come dice sempre il suo ispettore Gurciullo, “Se qualcosa può andare male, allora andrà anche peggio”, ma Portanova al peggio non sa più come rispondere.
Alberto Minnella, classe 1985 siciliano di Siracusa, articolista di giorno e scrittore noir di notte. Appassionato di musica, collabora con varie testate isolane. Ha dato vita a un blog nel quale ha preso forma il personaggio di Hanky, alter ego dell’autore e figura perfetta per un noir ambientato in una Siracusa sconosciuta. Con Frilli Editori ha già pubblicato Il gioco delle sette pietre e Una mala jurnata per Portanova.