Dal 27 al 29 gennaio il liceo Scientifico Leonardo da Vinci si trasforma in un museo, pronto ad accogliere a braccia aperte studenti e non solo. Per tre giorni, la scuola offrirà la possibilità di ripercorrere le tappe di quel doloroso passato.

Venerdì e sabato dalle 10 alle 18; domenica dalle 10 alle 13: tre giorni intitolati alla Giornata della memoria che si celebra in tutto il mondo. E’ questo, infatti, il giorno in cui le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz lasciando una delle più profonde ferite della storia dell’umanità.

Ragazzi e docenti accompagneranno i visitatori lungo un viaggio nella storia che si snoderà tra le aule del plesso scolastico di contrada Serrantone per quasi due ore.

Lo straziante ricordo dello sterminio di milioni di innocenti diviene realtà concreta, impregnando le pareti e diffondendosi tra le aule dell’istituto.

Le atrocità della Shoah sono ancora vive nella memoria di miliardi di persone.

Dopo il successo dello scorso anno, i 576 alunni e i docenti del liceo Scientifico di Floridia, diretto da Marcello Pisani, sono pronti a rimettersi in gioco regalando momenti di riflessione, teatro, ricostruzioni storiche e mostre tra i corridoi della scuola.

Le attività del liceo si divideranno in quattro percorsi tematici:

-l’infanzia rubata;

-le parole e i volti della Shoah;

-la vita prima e dopo i ghetti;

-arte, musica, cinema e poesia.

I ragazzi creeranno un percorso didattico, un sentiero commemorativo ed emozionante, illuminando una pagina oscura della recente storia.

Il racconto e la forza della testimonianza, il coraggio e la speranza di chi è riuscito a salvare se stesso e molte altre vite; il liceo floridiano diventa l’Auschwitz del presente” è il messaggio che i liceali vogliono trasmettere ai loro coetanei e all’intera cittadinanza.