Si è conclusa l’ultima iniziativa figlia del progetto Contaminazioni Virtuose, promosso dalle gemellate Confcommercio di Siracusa e Alessandria: dieci tra le più blasonate pasticcerie delle due province sono state rappresentate dalle loro associazioni di riferimento durante la manifestazione fieristica internazionale Pain Amour et Chocolat 2017, che si è svolta ad Antibes dal 16 al 19 febbraio scorsi.

Pain Amour et Chocolat, giunta all’undicesima edizione consecutiva, ha riunito i migliori produttori italiani e francesi di pane, prodotti da forno, cioccolato, pasticceria e artigianato d’arte.

L’evento originale e internazionale che ogni anno anima la perla della Costa Azzurra è organizzato dalla Camera di Commercio Italiana di Nizza in collaborazione con la Chambre de Métiers et de l’Artisanat delle Alpi Marittime e il Comune di Antibes Juan-les-Pins. Non solo una manifestazione fieristica ma un vero e proprio evento del territorio a cui si affiancano diversi momenti di intrattenimento e animazione, dimostrazioni dolciarie e degustazioni.

Un appuntamento prestigioso al quale le pasticcerie siracusane Brancato, Bar Ciccio, Peruch/Bar Leonardi e Rizzo hanno preso parte grazie alla fattiva partecipazione di Confcommercio Siracusa presente, con una sua delegazione, per la vendita e promozione dei prodotti di pasticceria siciliana e per illustrare le potenzialità del progetto sviluppato con successo in collaborazione con Confcommercio Alessandria. I pasticceri piemontesi solo tre settimane fa hanno, infatti, visitato i punti vendita e i laboratori dei colleghi gemellati siracusani, concludendo gli accordi commerciali come previsto dal progetto Contaminazioni Virtuose.

Siamo fieri di contribuire nel dare la massima visibilità alle eccellenze del nostro territorio e alle nostre aziende – ha commentato Francesco Alfieri, direttore Confcommercio Siracusa – perché siamo convinti che la fiducia dei nostri associati, tradotta nella partecipazione alle iniziative che proponiamo, rappresenti il vero motore per la ripresa dell’economia della nostra città”.