Si chiama Pesah, in ebraico vuol dire passaggio, l’antico nome della Pasqua, lo spettacolo che l’artista siracusano Carlo Muratori, insieme con la sua orchestra porterà in scena a Floridia, Paternò e Ferla. Si tratta di canti e musiche della settimana Santa in Sicilia. Dal Cristo Crocifisso e condannato a morte, alla Resurrezione.

Il primo appuntamento è per domani, giovedì 6 aprile a Floridia (SR), inizio dello spettacolo alle 21 nella chiesa di Santa Lucia, in viale Vittorio Veneto.

Sabato 8 aprile alle 19,30, Muratori e la sua orchestra farà tappa a Paternò (CT). Il concerto si terrà nella Chiesa di Santa Maria dell’Alto. La terza tappa di “Pesah”, è in programma a Ferla il prossimo 12 aprile nella splendida chiesa di San Sebastiano, con inizio alle 21.

Pesah, è il frutto di uno studio di Carlo Muratori che ha condotto numerose campagne di ricerca sui riti popolari della Passione, sulle usanze particolarmente diffuse di accompagnare le processioni e le funzioni liturgiche con antichi canti tramandati per tradizione orale conosciuti come I Lamenti.

Il concerto di Carlo Muratori e della sua orchestra, oltre a essere un sincero tributo alla cultura, alla memoria e al sentimento religioso della gente di Sicilia, è una rilettura innovativa in chiave cameristica di questi documenti e si pone come proposta di notevole livello artistico di una musica etnica contemporanea.

Con Muratori che è voce recitante, chitarre e bouzouki, si esibiranno i musicisti dell’orchestra da camera Folkstudio Ensemble, composta da Maria Teresa Arturia (pianoforte), Christian Bianca (violino), Matteo Blundo (viola), Stefania Cannata (violoncello), Fulvio Bazzano (clarinetto), Fabrizio Guelfi (tromba) e Daniele Adamo (percussioni). In scena ci sarà anche il coro polifonico Musici e Cantori, composto da Maria Carmela De Cicco (soprano), Giulia Immè (soprano), Carmen Marino (mezzosoprano), Francesco Fontana (tenore) e Natale Calafiore (basso).