Negli ultimi mesi dello scorso anno il numero di start-up innovative ufficialmente registrate a livello nazionale ha toccato le 6.235 unità. Un trend che sottolinea una crescita sostenuta a conferma di come l’innovazione e il digitale siano i settori in cui investire in futuro. Numeri incoraggianti per la Sicilia che cresce del 18% rispetto al 2015 – seppur a fronte di una media di crescita nazionale del 21,2% – e per Siracusa, dove stanno emergendo start-up di livello nazionale come Martha’s Cottage e si stanno distinguendo singoli professionisti legati al mondo di Internet come Federico Petruzzelli.

289 Start-up registrate, pari al 4,6% dell’intera Nazione. Sono i dati relativi alla Sicilia che si posiziona al nono posto tra le Regioni per numero di imprese innovative presenti sul territorio. Di queste attività innovative il 76,6% ha almeno quattro addetti mentre il 77,2% opera nel settore dei servizi. Le aziende a governance femminile sono il 18% e quelle con alla guida giovani under 35 rappresentano il 27,7% del totale.

La provincia con il più alto numero di start-up è Catania (34,9% dell’intera Regione), seguita da Palermo con 79 (27,3%). Terzo gradino del podio per Messina con 39 start-up (13,5%) e sesto posto per Siracusa con 16, pari al 4,5%. Ma è proprio in quest’ultima che stanno emergendo alcune delle punte di eccellenza più significative.

Tra le start-up di Siracusa che stanno facendo molto parlare di sé c’è sicuramente Martha’s Cottage. Nata pochi anni fa per organizzare matrimoni e vendere tutto ciò che serve per sposarsi, questa impresa innovativa ha superato il break-even e dopo soli tre anni di attività è già in utile. La conferma arriva dal fondatore Salvatore Cobuzio, l’uomo capace di intuire che il business legato all’organizzazione dei matrimoni si stava spostando nel mondo di Internet, che ha pubblicato su Facebook i dati del primo trimestre del 2017: più 356% di utile a marzo rispetto allo stesso mese del 2016. Un e-commerce e un portale di organizzazione eventi che inizia a farsi strada anche in Europa e che oggi conta il 10% dell’intero fatturato proveniente dalle vendite dirette nei mercati esteri, principalmente dalla Germania e dalla Francia.

Tra i singoli professionisti, Federico Petruzzelli è uno dei casi più emblematici di come Internet e tecnologie digitali siano la base per il successo e l’avviamento di una carriera. Giocatore di Texas Hold’em professionista, il siracusano è partito proprio dai tornei online e dagli ottimi risultati ottenuti per scalare le vette del poker mondiale e occupare un posto ai più importanti tornei dal vivo. Basti pensare alla partecipazione, datata 2016, alle World Series of Poker di Las Vegas, l’appuntamento internazionale più importante per i professionisti.

Non mancano poi importanti iniziative legate alla cultura e al turismo che stanno facendo crescere l’attrattività turistica della Sicilia e della provincia di Siracusa in particolare. È il caso di Sicilyforall, portale web nato per dare notizie sempre aggiornate sul livello di accessibilità dei sette siti Unesco presenti sul territorio regionale e pensato appositamente per il turismo accessibile. Dai dati che emergono dal lavoro svolto dal portale è Siracusa la città più aperta a chi presenta disabilità motorie: il Parco Archeologico della Neapolis e il Duomo di Ortigia sono stati indicati come due tra le destinazioni più accessibili.

Nata nel 2010 è la E-Ludo Interactive, start-up di Siracusa che, come è specificato nella mission aziendale, si occupa di “organizzare progetti, eventi, iniziative culturali per promuovere tutti gli aspetti della cultura digitale e di progettare e organizzare corsi di formazione inerenti il settore Digital – ICT – Entertainment”. Un’azienda che ha già fatto parlare di sé con il progetto Dev-Lab: Formazione per lo sviluppo videoludico grazie al quale sono stati organizzati numerosi corsi di formazione di successo sulla cultura digitale in tutto il territorio regionale.