Christiane Elisabeth Reimann: donna danese volitiva, dotata di una grande intelligenza e di notevoli capacità organizzative.

La vasta cultura derivante dall’educazione ricevuta, dagli studi, dai viaggi e dai molteplici interessi che spaziavano dal campo medico e sociale, a quello scientifico, letterario, archeologico e musicale, la caratterizzano come un raro esempio di donna evoluta del suo tempo e anticipatrice del nostro.

Fu una filantropa, una cosmopolita, innamorata dell’arte, della natura, del suo lavoro internazionale e del dr. Alter, con cui ha convissuto sfidando le convenzioni della società di allora.

Nel libro Christiane Elisabeth Reimann, il mistero di una danese, Lucia Acerra e Marcello Lo Iacono ricostruiscono sistematicamente, attraverso la consultazione di documenti d’archivio, le molteplici attività e i momenti più significativi della sua vita.

Tra memorie, scandali e documenti vengono narrate le passioni, i tradimenti e le forti delusioni di questa donna straniera che scelse Siracusa come seconda patria e a cui donò il suo patrimonio.

Il libro, volutamente pubblicato in questi giorni in cui ricorre l’anniversario della nascita della Reimann, sarà presentato il prossimo 18 maggio al Circolo Unione di Siracusa con la partecipazione del Console di Danimarca, Domenico Speciale.

Sarà presente anche Pucci Piccione, presidente del Comitato per le celebrazioni dei 2750 anni della fondazione di Siracusa, tra le cui pubblicazioni è inserito il volume come doveroso riconoscimento alla generosità della gentildonna danese.

Relatori saranno Mariarita Sgarlata, autrice della prefazione del libro e Francesco M. Atanasio, membro del comitato dei Garanti di Villa Reimann, che illustreranno come la figura della Reimann fa parte, a pieno titolo, delle più alte personalità del panorama cittadino e delle grandi celebrità pioniere nell’infermieristica mondiale.