Organizzati dall’Accademia italiana per la promozione della matematica Alfredo Guido, i Giochi Matnematici del Mediterraneo 2017 hanno visto la partecipazione di oltre 160 mil ragazzi delle scuole italiane di ogni ordine e grado, dalla terza classe della scuola primaria al 2° anno della scuola secondaria di 2° grado.

Due giovanissimi studenti dell’istituto di istruzione superiore Elio Vittorini hanno rappresentato Lentini e tutta la provincia di Siracusa alle finali nazionali dei Giochi Matematici del Mediterraneo che si sono svolte a Palermo il 4 maggio scorso. Sono Miriam Giuga, alunna della II A del liceo Scientifico e Giulio Battiato della I C dello stesso istituto.

Dopo aver superato le due selezioni di istituto, i due ragazzi hanno guadagnato la qualificazione alle finali nazionali facendosi onore durante la finale d’area che si è svolta il 17 marzo a Rosolini all’Istituto comprensivo Sant’Alessandra, dove sono stati accompagnati dalla docente referente Angela Midili. In quell’occasione Miriam Giuga si è classificata al terzo posto e Giulio Battiato al quarto, ciascuno per la propria categoria.

Giunti a Palermo la mattina di giorno 4 alle 9, accompagnati dalla docente responsabile del dipartimento di Matematica e Fisica Anna Lucia Daniele, gli alunni sono stati suddivisi per categorie, in base alla classe frequentata. La prova ha avuto la durata di 90 minuti per i ragazzi del 1° superiore e di 120 minuti per quelli del 2° superiore. I quesiti hanno riguardato nozioni di logica matematica, calcolo combinatorio, algebra e geometria.

L’esito finale ha visto Miriam Giuga conquistare un ottimo 17° posto e Giulio Battiato un soddisfacente 43° posto. I ragazzi hanno ricevuto in premio una medaglia e i complimenti degli organizzatori, delle docenti, nonchè del dirigente scolastico Vincenzo Pappalardo.

Sono piazzamenti di tutto rispetto – dichiara orgogliosa la docente Daniele – considerato l’elevatissimo numero di studenti e scuole partecipanti. Si tratta non solo di risultati di cui andar fieri, ma soprattutto di esperienze importanti che andranno ad arricchire il bagaglio personale di questi giovani”.