Santa Lucia, Caravaggio e il suo tempo. E’ questo il titolo dell’incontro che si svolgerà giovedì 11 maggio alle 19,45 nella chiesa di Santa Lucia alla Badia, in Ortigia, in occasione della pubblicazione del libro Il vendicatore oscuro di Annalisa Stancanelli (Mondadori Electa). Ne discuteranno, oltre all’autrice, la soprintendente ai Beni culturali e ambientali di Siracusa, Rosalba Panvini e Salvatore Santuccio.

Il vendicatore oscuro è ambientato nella Siracusa barocca del 1608; il romanzo si ispira alla vita di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, che proprio nella città siciliana si rifugia dopo l’evasione dalle prigioni di Malta.

L’autrice Annalisa Stancanelli racconta i mesi della clandestinità del Merisi a Siracusa, città dove il pittore si nasconde, grazie all’aiuto dei monaci e del suo protettore Vincenzo Mirabella, per sfuggire all’ira dei Cavalieri di Malta che lo vogliono morto.

La vita di questo enfant terrible dell’arte si presta, come poche altre, a essere raccontata nella forma romanzata del noir: in un continuo susseguirsi di colpi di scena, Caravaggio riesce a evitare il misterioso personaggio che lo perseguita commettendo omicidi intorno a lui, non potendo tuttavia impedire che altri muoiano al suo posto.

Un romanzo dalla trama avvincente, in cui l’autrice sfrutta molti degli avvenimenti  per raccontare anche l’arte di Caravaggio, la pittura dal vero e la committenza, il tutto nell’affascinante cornice della Sicilia seicentesca.

Annalisa Stancanelli, già docente di letteratura italiana e latina, è dirigente scolastico a Siracusa. Giornalista pubblicista, collabora con la testata La Sicilia. Studiosa di Caravaggio, nel 2006 vince la borsa di studio del Centro Internazionale di Studi sul Barocco per i suoi studi sul pittore.