Ultimo appuntamento a Città della Notte per la stagione di prosa Turi Ferro 2016/2017 organizzata da Teatro in Primo Piano e Teatro ABC. Domenica 21 maggio, al Teatro Cannata di Villasmundo, andrà in scena la commedia musicale Orlando Pazzo, nel nuovo allestimento firmato ABC Produzioni. Nel ruolo eponimo Rosario Marco Amato, che il pubblico siracusano, lo scorso anno, ha avuto modo di apprezzare nei panni di Liolà; alla regia la consolidata esperienza poetica di Antonello Capodici. Già dal titolo, lo spettacolo rovescia l’originale di Ariosto e mette al primo posto la furia dell’amore non corrisposto.

Orlando crede che per il solo fatto che sia lui ad amare Angelica (Iridiana Petrone), lei debba essere sua, da sempre e per sempre. E non sopporterà che possa essere di un altro, specie quando scoprirà che l’altro non è nemmeno un prode cavaliere del suo rango ma un semplice soldato di fanteria. È a quel punto che scatteranno la furia e la pazzia; le stesse che riempiono le cronache quotidiane, con donne che perdono la vita per mano di uomini che dicono di amarle perdutamente.

Gli inserti drammaturgici sono affidati a pupi e manianti autentici grazie alla partecipazione della Compagnia dell’Opera dei Pupi Don Ignazio Puglisi di Sortino. Nati all’inizio dell’Ottocento come evoluzione delle tradizionali marionette a fili, i pupi rappresentarono, sin da quel remoto primo apparire, il mezzo narrativo ideale di una certa cultura popolare siciliana. Innanzitutto per quel caratteristico apparire fiero, al limite della baldanza, che al pupo viene conferito dall’accrocco: l’asta di ferro che, calando dalla sommità del capo, ne aggancia il tronco e la spina dorsale. È il senso, letterale, delle espressioni avere la schiena dritta oppure uomo tutto d’un pezzo.

A tutt’oggi – spiega il regista Capodici – non è certo chi abbia introdotto questa modifica essenziale alla dinamica gestuale delle marionette originarie, ma, chiunque sia stato, sappiamo con evidenza che, così facendo, egli ha regalato a tutti noi isolani la più straordinaria invenzione scenica, drammaturgica e teatrale dell’età moderna. I pupi sono tutto. L’Amore. La Storia. La lotta eterna fra bene e male. Fra onestà e latrocinio. Raccontano con mirabilissima sintesi emotiva e recitativa i sentimenti più profondi e le istanze più grandi di tutto un popolo”.

Nel cast dello spettacolo anche Iridiana Petrone, Valerio Santi, Martina Asero, Ciccio Russo, Aurelio Rapisarda, Luciano Fioretto, Salvo Gulisano, Gianluca Indaco e Manuel Sciacca. Le scene sono firmate Laboratorio ABC, i costumi sono di Elisa Mercolillo, gli arrangiamenti musicali di Turi Asero.