Domani, sabato 20 maggio alle 16,30 nel salone Borsellino di Palazzo Vermexio si terrà la presentazione del libro dal titolo Gesù Cristo Salvatore e Redentore, edito da Tyche Edizioni, Siracusa; il cui autore è Ernesto Nudo, un sommo sacerdote della chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni che ha giurisdizione per la Sicilia e Calabria. Presenti autorevoli relatori universitari.

Ernesto Nudo nel libro parla di Gesù Cristo: Salvatore e Redentore che racconta la missione sulla terra del Cristo. Sono sottolineati i passi delle scritture per le quali conosciamo Gesù Cristo come il primogenito di Dio nello spirito e l’unigenito nella carne.

Riguardo al ministero terreno del Cristo, il libro affronta i passi delle scritture dai quali derivano i due più importanti titoli per i quali comunemente lo chiamiamo “Salvatore” e “Redentore”.

Via via che il testo scorre Ernesto Nudo spiega gli eventi che danno a Gesù questi titoli. In modo particolare, tra le pagine è spiegato che il titolo di “Salvatore” è collegato all’adempimento della festa della “Pasqua ebraica”, mentre il titolo di “Redentore” è legato all’adempimento della festa ebraica chiamata “Giorno dell’Espiazione” o “Yom Kippur”.

L’autore diversifica le cerimonie delle due feste ed evidenzia che da sempre la prima festa si svolge nelle case di Israele e la seconda nel Tempio (prima nel Tabernacolo del deserto, poi nel Tempio di Salomone). La cristianità moderna ha mantenuto il contatto con la prima festa (Pasqua), ma ha perso il contatto con la seconda (Giorno dell’Espiazione). Con l’aiuto della lettera agli Ebrei dell’apostolo Paolo, l’autore descrive la cerimonia della “Festa del giorno dell’espiazione” esposta dottrinalmente nel libro del “Levitico” evidenziando che con il sacrificio del Cristo il tempio di Salomone aveva esaurito il suo compito, in quanto Cristo, nel Getsemani e sulla croce, aveva aperto la via che da qual momento in avanti permetteva ai figli di Israele di tornare alla presenza di Dio.

Via che nel Tempio di Mosè e di Salomone era “interdetta”. Considerato che Ernesto Nudo è un sommo sacerdote della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, nella seconda parte del libro, spiega che all’interno della restaurazione del Vangelo fatta dal Signore attraverso il profeta Giuseppe Smith, si trova anche la costruzione del Tempio del nuovo patto di cui parla l’apostolo Paolo nella lettera agli Ebrei. Pertanto oggi tutti i membri della chiesa possono godere delle sue benedizioni.

Ernesto Nudo completa il libro invitando il lettore a riflettere sul fatto che mentre la “Pasqua” rappresenta la parte preparatoria per accedere alle benedizioni tramite Cristo Salvatore, la “Festa del Giorno dell’Espiazione” rappresenta la parte più gloriosa e finale, che permette il ritorno del fedele direttamente alla presenza di Dio Padre, tramite “Cristo Redentore”.

Il libro è scritto con stile semplice e divulgativo, il lettore è accompagnato da molte immagini a colori e dai versetti delle scritture in modo che nel susseguirsi delle pagine non perda la concentrazione e l’emozione di essere davanti al redentore del mondo Gesù Cristo.