Domani, 3 ottobre, alle 11 al liceo Classico “Gargallo”, gli studenti di provenienza internazionale, partiti per un programma di vita e di studio in Italia si confronteranno con Luca Brusà, funzionario ONU nella sede di Bonn su due degli obiettivi dell’Agenda 2030.

Nell’ambito delle celebrazioni, della X giornata del dialogo interculturale, organizzata e promossa dall’AFS Intercultura in collaborazione con l’ASviS, il centro locale di Siracusa, ha organizzato una tavola rotonda aperta alle scuole del territorio e alla cittadinanza, dal titolo “Abitiamo il villaggio globale”, per dare voce a chi questo villaggio globale lo ha vissuto in prima persona. Si tratta di nove studenti provenienti da tutto il mondo, partiti per un programma di vita e di studio in Italia con Intercultura, che si confronteranno con Luca Brusà, funzionario ONU presso la sede di Bonn sul significato di essere cittadini globali, sul ruolo della scuola in questo processo e sulle diverse interpretazioni di “cittadinanza globale” nelle diverse parti del mondo. L’incontro sarà aperto dai saluti istituzionali del vicesindaco e assessore alla Cultura, Francesco Italia e dalla dirigente scolastica del Liceo “Gargallo”, Maria Grazia Ficara.

L’Associazione Intercultura – dichiara Antonio Di Salvatore, presidente Intercultura Siracusa –  promuove da molti anni l’organizzazione di questi eventi a carattere pubblico, utili a portare all’attenzione della cittadinanza, la riflessione sui temi dell’educazione interculturale e dell’educazione alla mondialità. Attraverso gli scambi, permette ogni anno, a più di 2.000 studenti delle scuole superiori italiane di trascorrere un periodo di studio all’estero e di accogliere, nel nostro Paese, quasi 1.000 ragazzi da tutto il mondo che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole.”