E’ in vendita in versione cartacea e digitale il racconto Simone e la rana: Viaggio nel castello stregato di Silvestra Sorbera.

Questo è il secondo racconto che ha per protagonista il piccolo Simone e la sua ranocchia magica, in entrambi i lavori i protagonisti vengono catapultati in nuove avventure.

Il primo testo è stato scritto con mio figlio Simone quasi duenne. Lui inventata, io mettevo insieme i pezzi e infatti il target i riferimento è la scuola materna – racconta l’autrice -. Adesso invece, per questo secondo testo, abbiamo lavorato insieme. Un giorno mi dice che vuole scrivere un’avventura dentro un castello stregato. Ed ecco cosa ne è uscito. Oltretutto ha anche ideato la cover del racconto. Un lavoro a quattro mani, anzi a sei, visto che ci ha aiutato anche il papà“.

IL LIBRO

La favola di Simone è una storia interattiva dove i giovani lettori dovranno risolvere indovinelli, fare dei disegni e giocare con dei folletti prima di incontrare Agata, la strega del castello. Agata nasconde un segreto e, per salvarla, Simone dovrà mettercela tutta. “Non è una caccia alla strega o un racconto di paura. E’ una storia di insoddisfazione perenne, una storia di un maleficio e di una salvezza”.

L’AUTRICE

Silvestra Sorbera, classe 1983, piemontese di origini siciliane, è una giornalista e autrice di racconti e romanzi. Ha pubblicato nel 2009 La prima indagine del Commissario Livia e a maggio del 2016 la seconda indagine dal titolo I fiori rubati con la casa editrice LazyBOOK. Nel 2013 ha realizzato la favola per bambini Simone e la rana, e il saggio letterario – cinematografico La forma dell’acqua. Camilleri tra letteratura e fiction. Nel 2014 pubblica con la casa editrice LazyBOOK i racconti Vita da sfollati e a seguire Sicilia e La guerra di Piera, mentre a dicembre 2016 è uscito il romanzo autobiografico Diario per mio figlio. A giugno 2016 con la casa editrice PortoSeguo ha pubblicato il romanzo Sono qui per l’amore e a giugno del 2017 il romanzo breve omonimo.