Ma le mandorle sono tutte uguali?: questo il tema dell’incontro che si terrà oggi, domenica 29 ottobre a partire dalle 9.30, nei locali dell’Antico Mercato di Ortigia nell’ambito dell’iniziativa Le Domeniche di Educazione al Gusto in contemporanea al Mercato del Contadino. L’iniziativa è promossa dall’assessorato alle Attività produttive del Comune con la collaborazione dell’Ispettorato regionale dell’Agricoltura di Siracusa. “Le mandorle non sono tutte uguali – spiega Antonello Scacco, presidente del Consorzio di Tutela della Mandorla di Avola, nonché docente di Analisi sensoriali -. Nel mondo esistono oltre 4.000 varietà di questa pianta e in Sicilia alla fine dell’800 il botanico Giuseppe Bianca aveva censito più di 750 cultivar diverse. Le differenze non si limitano ovviamente alla forma ma riguardano soprattutto le componenti nutrizionali, organolettiche e sensoriali”.

Nel corso della manifestazione verranno affrontati aspetti importanti per i consumatori, puntando l’attenzione sulla salubrità delle mandorle, specie di quelle californiane che, a differenza delle siciliane, presentano spesso elevati livelli di aflatossine, pericolose per la salute. Si spiegherà come riconoscerle, considerato che il consumo dietetico di mandorle è da anni in costante aumento e rappresenta oggi uno degli sbocchi principali per la mandorlicoltura siciliana.

Nell’era digitale – aggiunge Giuseppe Taglia, dirigente dell’Ispettorato all’Agricoltura – occorre dedicare del tempo alla conoscenza degli alimenti. Prendiamoci cura del nostro benessere partendo dal cibo, imparando i criteri per distinguere gli elementi da ricercare nell’alimento di qualità attraverso le loro caratteristiche sensoriali e nutrizionali”.

“Il successo delle “Domeniche del Gusto” viene riconfermato dalla grande partecipazione di pubblico, formato in parte anche da turisti. Dopo il caffè, il Moscato di Siracusa ed il miele, avremo protagonista la mandorla di Avola che, grazie al contributo dell’omonimo Consorzio, sarà oggetto di approfondimenti e laboratori. Unire iniziative di approfondimento scientifico ad attività come il Mercato del Contadino, peraltro già consolidato, contribuisce ad accrescere l’attenzione per uno stile di vita volto a benessere e salute”, dichiara infine l’assessore alle Attività produttive, Silvia Spadaro.