Metti una serata organizzata da Italia Nostra per l’inaugurazione dell’anno sociale nella elegante cornice del Circolo Unione, un pubblico qualificato e attento, un presentatore garbato e competente come Luigi Lombardo e un artista che solo con la sua presenza buca la scena e l’atmosfera diventa magica con protagoniste indiscusse la musica e la voce di Carlo Muratori.

Così è stato ieri, quando nel salone gremito del Circolo Unione, uno dei più importanti cantautori della tradizione musicale  siciliana ha fatti rivivere le atmosfere e gli eventi che ne hanno segnato lo scorrere dei secoli.

Come presidente della sezione non posso che ringraziare il presidente del Circolo, Sergio Galletti per la sua squisita ospitalità – affermato la presidente di Italia Nostra Lucia Acerra -, Carlo Muratori per il meraviglioso concerto eseguito assieme a Maria Teresa Arturia alla fisarmonica e grazie a i soci di Italia Nostra che in gran numero hanno voluto iniziare gli incontri programmati che quest’anno avranno come filo conduttore gli aspetti più salienti  delle nostre tradizioni etno-antropologiche. Sono serate come questa che ci fanno riflettere sull’importanza delle finalità della nostra associazione e quindi sulla necessità di salvaguardare questo patrimonio culturale che incoscientemente stiamo svilendo relegandolo spesso ad episodi folkloristici che non hanno nulla a che vedere con le preziosità artistiche di brani composti da poeti e musicisti del passato che Carlo Muratori  rivisita senza snaturarne l’essenza poetica. Questo è il compito di Italia Nostra: salvaguardare tutte le espressioni d’arte,anche quelle apparentemente minori  ma che  concorrono a rappresentare  l’ Identità culturale di un popolo”.