Anche quest’anno in sintonia con il tema dell’anno pastorale 2017/2018 che propone la diocesi per  “una Chiesa vicina ai giovani” dal tema: “Cinque pani e due pesci”; ci si vuole impegnare così nel cammino unitario diocesano per far sperimentare ai giovani che la Chiesa è madre e maestra, che li vuole particolarmente bene e vuole dare loro il bene più grande che è il Vangelo.

La paura fa male – afferma don Rosario Sultana, direttore della Pastorale Giovanile della diocesi di Noto –  essa ha a che fare con le ferite che ogni giovane porta con sé, o con quelle che non vorremmo mai ritrovarci a curare. Il timore fa paura! Esso è come la notte, nasconde incertezza, buio, pericolo e induce spesso ad indietreggiare, a tornarsene in casa, in un luogo tranquillo in cui niente ci nuoce. Durante la veglia, vogliamo dire ai nostri giovani: Have no fear, cioè abbi non-paura! Giovane non temere di non piacere, di restare solo, del futuro, di soffrire, di non provare mai l’amore vero. Insomma, durante la Veglia desideriamo dare una buona notizia, anzi “la buona notizia”: Dio conosce le paure, le intercetta e le rilancia. Lui fa così! Lui ha fatto sempre così! Vogliamo dire ai nostri giovani: in piedi accogliamo le storie della non-paura, la Parola della fede: il Vangelo del Signore“.

Nel contesto ampio della Pastorale Diocesana, il Servizio di Pastorale Giovanile della Diocesi di Noto propone anche quest’anno ai gruppi giovanili parrocchiali, ai movimenti, alle associazioni,  a tutti i giovani del nostro territorio un momento significativo di preghiera e riflessione che si terrà il prossimo sabato nella vigilia dell’Avvento, il 2 dicembre, nella Basilica Cattedrale di Noto alle 19:30, per la tradizionale Veglia di preghiera: Have no Fear ( Lc 1,30).