La Xiridia Ensemble e la soprano Manuela Infalletta si sono esibiti insieme, domenica scorsa, al Museo etnografico Nunzio Bruno, nel Gran concerto dell’Immacolata organizzato dalla Proloco Floridia Villa dei Re nella persona di Cetty Bruno. Il concerto è stato voluto anche per ricordare il clarinettista floridiano Peppino La Rosa scomparso da poco, una splendida occasione per il pubblico di ascoltare un repertorio variegato e pensato per esaltare la versatilità dei diversi strumenti che compongono la Xiridia Ensemble e la voce della soprano.

Il passaggio da Bizet, a Bellini e Verdi, e ancora dai brani della tradizione siciliana E vui durmiti ancora, Nicuzza e La ciurdiana al finale lasciato a un medley di musiche natalizie, ha permesso al pubblico di assaporare sensazioni ed emozioni molto diverse, di non annoiarsi mai e di appassionarsi alla diversità degli stili. “L’organico strumentale dell’Ensemble – afferma Gaetano Raddino presidente dell’Accademia musicale Xiridiapuò risultare alquanto insolito perché raggruppa diverse tipologie di strumenti ma è proprio questa diversità di strumenti che lo caratterizza e che crea le diverse sfumature timbriche molto apprezzate dal pubblico”.  Così il flauto di Nelly Italia, i clarinetti di Guido Indomenico e Sebastian Gozzo, il sax di Stefano Linares, la tromba di Gaetano Raddino, il corno di Paolo Cannata, il contrabasso di Eusebio Getulio, il piano e la batteria di Roberto Raddino e la voce di Manuela Infalletta sono proprio riusciti a creare un’atmosfera magica. Non è mancato un momento di grande commozione quando è stato suonato il Valzer in re minore da sempre cavallo di battaglia di Peppino La Rosa, omaggio particolarmente apprezzato dai figli Marina e Sebastiano.