Sta per concludersi, non certo senza quella dolce e amara emozione, che connota ogni vigilia, l’attesa per i sempre più numerosi ed entusiasti cittadini aretusei della settima edizione del Premio Tiche. Oggi, venerdì 15 dicembre alle 18.30 all’auditorium dell’Istituto Archimede di via Caduti di Nassirya a Siracusa, la grande serata, il gran galà della cultura e delle eccellenze umane e professionali che Siracusa soltanto sa esprimere, avrà la sua massima celebrazione, il suo piccolo ma grande momento di gloria. Un vero laboratorio di idee, di creatività, d’impegno, l’impegno dei tanti giovani studenti e dei tanti istituti comprensivi della nostra Siracusa.

Esprimendo ingegno e creatività attraverso il disegno, la fotografia e la poesia, gli studenti degli istituti “Martoglio”, “Archimede”, “Brancati”, “Chindemi”, “Paolo Orsi” e “Santa Lucia” solo per citarne alcuni hanno contribuito a rendere meravigliosamente arduo il lavoro della commissione scientifica di selezione dei migliori lavori per ciascuna categoria. Ancora una volta, con sempre maggiore impegno, dedizione, entusiasmo, competenza e amore verso Siracusa ed il suo enorme potenziale, l’associazione “ Dueppiù per la città che vorrei”, capitanata dal suo formidabile presidente, Sergio Pillitteri, dimostra tutta la forza che una squadra, motivata ed agguerrita, possiede nel dare il proprio concreto contributo alla crescita della patria di Archimede. Sì perché il 7° Premio Tiche è un lavoro di squadra, il lavoro di un gruppo affiatato e coeso. Sergio Pillitteri, Carlotta Mirisola, Terenzia Molisina, Antonino Risuglia, Katia Fuccio, Giuseppe Cultrera, Giusi Aprile, Rosario Zimmitti, Sebastiana Mozzicato, Benedetto Ciranna, Danilo Limpido, tutti e tutte contribuiranno al sicuro successo di questa iniziativa. Gran galà che vedrà sfilare sul palco le dieci più illustri personalità che si sono distinte nel nostro territorio per il loro impegno professionale, artistico, culturale, sociale. Verranno quindi premiate le categorie come: cultura, musica, arte, Medicina, creatività sociale, luoghi della lettura, attività sportive, archeologia e fotogiornalismo. Inoltre tanti gli ospiti e i talenti che si alterneranno nel palco dell’istituto Archimede, unico partner dell’intero evento. Tra loro allieteranno il pubblico con le loro performance il coro polifonico europeo “ De Cicco”, le dolci e vibranti note di un duo chitarra e sax, il ritmo e l’allegria delle sfrenate coreografie della palestra “Fitness Club”.

Una grande festa da vivere e condividere insieme, un messaggio sempre più forte che invita ad uscire dalla disperazione, dalla rassegnazione, che incoraggia a scommettere sul futuro e a ripartire dalla cultura, dalla bellezza, dalle donne e dagli uomini che, come dimostra la mia e nostra associazione, possono davvero costruire la città che tutti vorremmo. In fondo questo è il “Premio Tiche”