Al Tina di Lorenzo prosegue con successo il segmento dedicato al Teatro Ragazzi con U Principuzzu Nicu, spettacolo teatrale liberamente tratto da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, in programma il 26 febbraio. Testo e regia sono di Giovanni Calcagno che è anche interprete con Luca Mauceri (che firma anche le musiche) e Salvatore Ragusa. Produzione La Casa dei Santi 2016

Dalle note di regia

Quando si legge Il Piccolo Principe ci si chiede spesso se sia una favola scritta per gli adulti o per i ragazzini. Questa ambiguità rende il racconto misterioso e inafferrabile: in questo senso, i viaggi dell’aviatore e del piccolo principe non sono solo spostamenti geografici o interstellari, ma anche avventure ed esplorazioni nei mondi interiori dell’uomo. Proprio per questo Il Piccolo Principe è un libro che porta con sé un insegnamento speciale. Tutto ciò ci è stato trasmesso da Antoine de Saint-Exupéry, attraverso una storia che è semplice come i racconti dei nostri nonni. Questa semplicità è uno degli aspetti del testo originale che ho voluto maggiormente salvaguardare. E così ho riscritto sia in italiano che in siciliano, in endecasillabi e settenari, ogni capitolo di questa grande opera. Ne è venuto fuori un testo teatrale che interpreto insieme con Luca Mauceri, che è anche autore delle musiche, e a Salvatore Ragusa, che cura le scene. E’ una compagnia che fonda la sua forza nell’artigianalità, e nella capacità di ciascuno di occuparsi di vari aspetti dello spettacolo. E’ un modo di fare teatro che mi è molto caro. L’unico elemento scenografico di questa messa in scena è l’aereo incidentato dell’aviatore perduto nel deserto. E’ un aereo composto da pezzi che mi ricordano le costruzioni di legno che trovavo dai miei nonni. E’ un aereo a pezzi, che diventa un mondo capace di rievocare i tanti mondi del viaggio del piccolo principe. E’ al contempo un oggetto metafora di un percorso interiore, perché alla fine sarà riparato dal lavoro che i due protagonisti avranno compiuto nel corso di questo incontro. Entrambi saranno così pronti a ripartire, seppure per destinazioni diverse“.

Due gli spettacoli in programma: matineè alle 11.30 (dai 5 anni in su) e serale, nel tentativo di coinvolgere in una unica festa grandi e piccoli, alle 20,55.