Un “concerto per le donne” del giovane soprano Sara Di Luciano, accompagnata al piano dal padre, il Maestro Rosario Sergio Di Luciano, ha chiuso, la scorsa domenica a Palazzo Messina Carpinteri, con Armonie Liberty, manifestazione curata dal Museo Civico Tempo, gli appuntamenti di Marzo per le Donne, promosse dall’amministrazione comunale di Canicattini Bagni per ricordare e celebrare la Giornata internazionale della Donna e sensibilizzare contro la violenza sulle donne.

Aperto dagli interventi del vice presidente del Museo Tempo, Tanino Golino, e dell’Assessore alla Cultura, Loretta Barbagallo, che ha portato i saluti del sindaco Marilena Miceli e ha curato tutti gli appuntamenti del programma di questo marzo dedicato alla donna, il concerto è stato presentato da Paolo Cugno, e ha avuto come scenografia 4 abiti anni ’50, frutto della maestria delle sartorie canicattinesi dell’epoca, indossati con eleganza da quattro modelle di Canicattini Bagni, in omaggio alla bellezza e all’eleganza della donna.

Tra i brani eseguiti da Sara Di Luciano e dal padre, molto apprezzati ed applauditi dal numeroso pubblico presente: “La serva padrona” di Giovan Battista Pergolesi; “Dido and Aeneas” di Henry Purcell; “Giulio Cesare” di Georg Friedrich Handel; “Le nozze di Figaro” di W.A. Mozart; “Don Giovanni” di W.A. Mozart; “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini; “Carmen” di Georges Bizet; ed uno zibaldone brasiliano.

La serata è stata conclusa dal Presidente del Museo Civico Tempo, Paolino Uccello, che nel ringraziare l’Amministrazione comunale per le iniziative promosse, gli artisti ed il pubblico intervenuto, non ha mancato di dare appuntamento con le manifestazioni in programma per la Settimana Santa, in particolare per la tradizionale processione del Venerdì del “Santissimu Cristu”, caratterizzata dalla presenza delle dei “Nuri”, devoti vestiti di bianco con una mantella rossa sulle spalle, un corona di spine intrecciata sul capo ed una canna in mano, che cantano “U lamientu”, canto in dialetto siciliano che rievoca i momenti della passione e morte di Gesù, che si tramanda di padre in figlio, e che recentemente è stato iscritto nel Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia, il Libro delle pratiche espressive e dei repertori orali.

“U Lamientu” si alterna con “U Cantu re Virginieddi” ragazze vestite di bianco che aprono la lunga processione per le vie della cittadina.

Sara Di Luciano nasce a Catania il 4 Luglio 1994. Dal 2009 al 2013 fa parte della corale G. Verdi di Teramo, mentre dal 2014 è membro del gruppo vocale Prismatico Incanto, diretto dal Maestro Fabrizio Bartalucci, con cui svolge un’intensa attività concertistica e partecipa ad importanti rassegne e concorsi internazionali. Nel 2013 partecipa all’opera Virginia, da lei composta. Nel 2015 canta come solista nello Stabat Mater di Pergolesi, sotto la direzione del Maestro Gaetano Adorno. Nel 2016 prende parte all’opera Rita di Gaetano Donizetti. Nel 2017 partecipa all’opera La cambiale di matrimonio nel ruolo di Clarina.

Rosario Sergio Di Luciano, dopo aver ottenuto importanti risultati in alcune competizioni pianistiche nazionali (A.M.A Calabria, selezione Giovani Pianisti di Castel S. Angelo), ha intrapreso una brillante attività concertistica in Italia e all’estero (Roma, Parigi, Salisburgo, Lussemburgo, Vienna), esibendosi anche con artisti di fama internazionale come Sergei Girshenco. Vincitore del premio internazionale di composizione di Baden-Baden nel 1992, ha collaborato con alcune formazioni specializzate nell’esecuzione di musica contemporanea come l’ensemble “Acquarius” che nel1993 ha inciso su CD presso l’Auditorium di Villa Lovigny a Lussemburgo una delle sue opere “Luna Nuova”.