Samuele Cau, fiorentino, dopo il grande successo riscontrato in giro per l’Italia, torna in Sicilia per la terza volta per promuovere il suo romanzo Follie di fine estate (edito da Bonfirraro). Il tour partirà da Rosolini venerdì 8 giugno, alle 18, nella sala Santa Caterina da Siena in via Sipione, 174.  Discuteranno con l’autore Matteo Figura e la bookblogger Chiara Bono. Dopo la tappa di Rosolini, Samuele Cau, si sposterà a Trapani, dove sabato 9 giugno alle 19, assieme al giornalista Andrea Castellano, incontrerà i lettori alla Libreria del Corso in corso Vittorio Emanuele, 61.

L’ultima tappa è prevista domenica 10 giugno alle 18 all’Hotel Tannure, in via Regina Margherita 91, a San Vito Lo Capo. Interverranno Vito Campo, giornalista del Giornale di Sicilia, e l’editore Salvo Bonfirraro.

È proprio in questo Hotel, caratteristico ed esclusivo, che prende corpo la storia di Cau. I simpatici personaggi e la cucina di cui l’autore ha tanto parlato nel suo romanzo, per la prima volta, saranno coprotagonisti di una sua presentazione.

La resistenza, collettiva e dei protagonisti, il terrore nazifascista, le brigate partigiane e soprattutto il terribile eccidio di Marzabotto compiuto dalle truppe naziste in Italia tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, sono le tematiche cardine del folgorante esordio dell’autore fiorentino, che si avvale della qualificata recensione di Alessandro Cannavò, caporedattore del Corriere della Sera. E’ proprio attorno a “follia” e “resistenza” che l’autore sviluppa l’intera struttura del romanzo, mitigato da una struggente storia d’amore, inserendovi altri luoghi e vicende originali, frutto della sua prolifica fantasia, e costruendo tre personaggi emblematici sui quali calca la mano, fino alla rivelazione di qualcosa di misterioso e indicibile.