Il San Martino Puppet Fest, in corso a Siracusa fino all’11 novembre, domani prosegue con lo spettacolo “La leggenda di San Martino” di Albert Bagno, in programma sempre alle 18 al teatro Alfeo di via della Giudecca.

C’era una volta un giovane soldato romano di nome Martino nato nella lontana Pannonia, si forma in Italia e vive in Francia. Martino è famoso per un episodio, quello che, durante un inverno molto freddo, lo vede offrire a un povero metà del suo mantello. Egli ebbe una vita lunga e molto ricca. Grande viaggiatore, fondatore del monachesimo, gli si devono tante altre cose. Fin dal primo medioevo, San Martino è uno dei Santi più celebrati e amati.

Questa la storia che sarà “raccontata” da Albert Bagno, il quale si autodefinisce “burattinaio militante” ma per lui varrebbe anche la definizione di burattinaio ricercatore. Vive in Italia dal 1974 e ha stabilito la sua dimora a Calolziocorte. Le sue proposte vanno dagli spettacoli all’animazione. L’attività di Albert Bagno per e con i burattini è cominciata nel 1976 e la sua specialità consiste nel saper realizzare le proprie opere con carta e cartoncino. Albert Bagno ha ricevuto numerosi riconoscimenti a livello sia nazionale sia internazionale.

La quarta giornata del San Martino Puppet Fest prevede anche letture animate con Alfredo e Alessandra Mauceri su “Olfo e il pianeta della fontana magica”. L’appuntamento è per domani alle 16,30 al museo dei pupi.