Dopo il debutto nazionale alla Chiesa di Santa Maria Alemanna di Messina lo scorso 18 novembre – dove ha registrato sold out inaugurando la sesta edizione della rassegna Atto Unico. Scene di Vita. Vite di Scena -, Riccardo III. Suite d’un mariage replica venerdì 7 dicembre alle 20.45 al Teatro Tina di Lorenzo di Noto. Lo spettacolo è scritto e diretto da Auretta Sterrantino, regista e drammaturgo, con alle spalle una lunga collaborazione con la Fondazione INDA, per la quale tuttora insegna Storia del teatro e messinscena tragica all’Adda. La pièce è interpretata da Michele Carvello e Giulia Messina, entrambi provenienti dall’Accademia del Dramma Antico della Fondazione Inda di Siracusa; le musiche sono di Filippo La Marca – compositore, direttore d’orchestra, insegna pianoforte in istituti di alta formazione e conservatori – e Vincenzo Quadarella – quest’ultimo, scrittore, compositore di musiche per il teatro, ha all’attivo tre album, è ingegnere del suono e responsabile audio alla Fondazione Inda. L’allestimento è di Valeria Mendolia; la produzione è di QA-QuasiAnonimaProduzioni; le foto di Giuseppe Contarini.

Un lavoro teatrale di grande enfasi estetica che esplora e riesce a far dialogare corpo-voce e luci-suoni-musica è questa nuovissima opera di Auretta Sterrantino, che ha riscosso grande consenso da parte della critica specialistica.

L’autrice e regista dichiara: “Ho cercato di lavorare sul contrasto di fondo che anima la grande contraddizione di una vittima che sceglie di amare il proprio carnefice. La stabilità diventa un goffo tentativo di sopire sentimenti troppo contrastanti e dolorosi che vanno scoperchiati attraverso il rispecchiamento e ogni possibile e sincero artificio retorico. Le parole tornano ogni volta diverse ed è proprio nella ripetizione, nell’apparenza di un cerchio immutabile che tutto invece cambia, rimanendo in fondo se stesso ma con ragioni differenti”.