Ventiquattro appuntamenti, con cadenza quindicinale, per accompagnare lungo l’intero arco dell’anno tutti – ma in maniera particolare i più giovani e gli studenti – alla (ri)scoperta  dei primi 28 articoli della Costituzione “viaggiando” tra principi, diritti, doveri e rapporti fondamentali che regolano la nostra quotidianità. Questa mattina sono stati il giornalista Aldo Mantineo e l’imprenditore e operatore culturale Franco Neri, autori e promotori dell’iniziativa, a presentare   il progetto no profit “Costituzione, sapore di democrazia” realizzato da “Mokambo Diffuso”.  Il progetto, che si muove nel solco di altre iniziative sviluppate in passato sui temi dell’educazione alla cittadinanza attiva, prevede la pubblicazione e diffusione – due volte al mese – di speciali “incarti” nei quali i singoli articoli della Costituzione – eccellenza assoluta del nostro Paese – vengono associati a dei dolci, delle “perle di mandorla” che riassumono alcune delle eccellenze dell’agroalimentare del territorio di Siracusa. Ciascuna di queste pubblicazioni contiene anche un QR-code inquadrando il quale, con la telecamera di uno smartphone, sarà possibile apprezzare per intero la bellezza della Carta. Per il debutto di stamane pubblicato, eccezionalmente, un doppio numero: uno dedicato all’articolo 1 e l’altro all’articolo 21 (libera manifestazione del pensiero) in omaggio, quest’ultimo, alla ricorrenza odierna di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti.

“La nostra Costituzione ha 71 anni ma la sua conoscenza non è omogeneamente diffusa, specie tra le più giovani generazioni, come sarebbe lecito attendersi – hanno spiegato Aldo Mantineo e Franco Neri -. Per questo abbiamo deciso di mettere in campo questo piccolo progetto mettendolo a disposizione, soprattutto, del mondo della scuola per realizzare incontri con esperti dei vari ambiti via via richiamati dai testi degli articoli in pubblicazione”.

Il progetto, che vuol dunque  miscelare il fascino assoluto e senza tempo della Costituzione con le nuove opportunità che oggi offre una tecnologia veramente low cost, punta anche a far leva sulla “rete” dei presidi culturali, pubblici e privati (il sistema bibliotecario territoriale, le librerie, le case editrici, i poli culturali) da trasformare – senza alcun costo per l’utenza –   in altrettanti punti di diffusione e contatto di questo progetto attraverso la distribuzione di segnalibro che, sempre grazie a un QR-code, consentiranno di apprezzare l’intera Costituzione.

Programmata, infine, pure la realizzazione di  cofanetti-evento, a tiratura limitata, contenenti tutte le pubblicazioni previste nell’anno in occasione di particolari occasioni e cerimonie.