L’8 febbraio, al Teatro Olympe della cittadina occitana di Montauban – gemellata con Avola -, si è svolto il vernissage della personale dell’artista avolese Elia Li Gioi.

Giù i muri, diamo spazio all’uomo il titolo della mostra che espone una ventina di pezzi dedicati alla Sicilia, ai fatti di Avola e ai migranti. Particolarmente significativo il monumentale totem realizzato per la mostra da Elia, trasportato dalla Sicilia sud orientale fino alla cittadina francese e realizzato con i relitti dei barconi approdati nelle coste della Sicilia sud orientale.

L’accoglienza di Montauban è stata molto calorosa ed è testimoniata dalla notevole affluenza all’inaugurazione.

Presenti il sindaco della città francese, Brigitte Barèges, e Alain Crivella, presidente dell’associazione Dante Alighieri che compie mezzo secolo di vita e che ha invitato l’artista avolese, ma soprattutto un’affluenza di pubblico interessato e che ha partecipato con emozione all’evento.

La mostra sarà aperta fino al 21 febbraio prossimo.