Si svolgerà sabato 9 marzo, all’Urban Center in via Nino Bixio, il convegno Officina dei Beni Comuni organizzato dall’associazione Lealtà e Condivisione. A oggi, sono più di 200 in Italia i comuni dove gruppi di cittadini si sono presi cura di spazi abbandonati e, con l’aiuto delle amministrazioni, li hanno fatto rinascere. Grandi città (come Bologna, Trento, Ancona, Bari, Pescara, ecc.) e piccole, anche in Sicilia (Acireale, Pachino, Paternò, Ragusa, Misilmeri, ecc.). Per far ciò, tutti questi comuni hanno adottato un apposito Regolamento, e molti altri lo hanno in corso di approvazione.

Durante il convegno, la mattinata sarà dedicata al racconto delle esperienze di gestione condivisa maturate nell’arco di 5 anni nel Comune di Bologna (relatore Donato di Memmo, dirigente del Comune di Bologna) ed alla presentazione delle iniziative già intraprese da alcuni comuni siciliani (relatore Giampaolo Schillaci, Rete Beni Comuni Area Vasta). Con gli avvocati Giovanni Randazzo e Paolo Ezechia Reale saranno inoltre approfonditi gli aspetti giuridici di queste esperienze.

Nel pomeriggio, la tavola rotonda a cui parteciperanno tutti i rappresentanti dei gruppi consiliari del Comune, discuterà la possibilità di sviluppare anche a Siracusa attività di gestione condivisa dei beni comuni.